Storia della mountain bike dagli Anni 70 ad oggi

La mountain bike è un a disciplina sportiva abbastanza recente, infatti  si ha memoria delle prime biciclette per percorsi sterrati in America agli inizi del 900.

Anni  70 e  80

Lo sviluppo della mountain bike come la conosciamo oggi  risale a gli anni 70, quando dei gruppi di ciclisti  del Colorado e della California iniziarono a modificare la bicicletta classica inserendo:  manubri da motocross, gomme più larghe e freni con miglior aderenza allo scopo di gareggiare su strade sterrate.

Le  prime gare con queste biciclette, che venivano chiamate nel gergo della mountain bike  “the klunker( catorcio),  venivano chiamate “ the repack race”, poichè i freni a  tamburo si consumavano cos’ tanto da portare il biker al repack( sostituzione),  dopo una sola gara.

Il primo costruttore di biciclette improntate al mountain bike , quindi più leggere e con freni che fossero in grado di reggere una forte sollecitazione, fu Joe Breeze nel 1978.

I primi modelli di mountain bike  avevanno come accessori mtb: telai da corsa molto robusti  e gomme più larghe rispetto alla bicicletta normale e un manubrio dritto con alcune parti provenienti dalla Bmx.

La vendita di mountain bike inizia nei primi anni Ottanta , quando vengono prodotte  i primi prototipi  la Univega Alpina Pro e la Specialized Stumpjumer e inizia ad affacciarsi sul settore la Trek, che  diventrà una delle aziende leader del settore.

Anni 90 e 2000

In questi  anni c ‘è stata una vera e proria esplosione  del fenomeno della mountain bike, che è passato dall’ essere uno sport di nicchia a mercato globale, considerando che ormai tutti hanno almeno una mountain bike in garage.

Il mercato delle mountain bike  si è diversificato dalla mountain bike classica a quella d’ agonismo per le varie discipline come:  il downhill, il freeride , il cross country,  la bmx.

Negli ultimi anni l’ evoluzione a portato a mountain bike da 29 pollici, invece che le classiche da 26 pollici  e sono nate anche le fat bike con ruote più larghe per pedalare su superfici come neve e sabbia.

La grande crescita della mountain bike ha portato all’ adeguamento dei percorsi, che ormai sono sempre ben curati e alla nascita nelle stazioni sciistiche dei bike park, dove  i biker possono cimentarsi in numerosi percorsi.

Nel 1990 è arrivato per la mountain bike il riconoscimento, da parte dell’ UCI( Unione Ciclistica Internazionale), dallo status di sport professionistico e si sono tenuti a Durango, negli Stati Uniti i primi campionati del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *