Cosa è la Valutazione Logopedica

In questo articolo parliamo di logopedia. Quando contattate un logopedista per un problema di linguaggio del vostro bambino la prima cosa che farà è una valutazione logopedica.

Gli strumenti per una valutazione completa sono 3:

  • il colloquio con il caregiver
  • l’osservazione
  • i test

Il colloquio ha lo scopo di raccogliere le informazioni sullo sviluppo del bambino e sul suo problema attuale ma è anche un importante momento in cui logopedista e genitore si confrontano su dubbi, aspettative e sul percorso da intraprendere insieme.

Durante l’osservazione si analizza il comportamento spontaneo del bambino cioè come si approccia all’adulto estraneo, all’ambiente nuovo, alle attività proposte e qual è la modalità comunicativa del bambino. È anche il momento in cui il logopedista annota l’eloquio spontaneo del bambino, cioè trascrive ciò che il bambino produce e in che modo lo dice. L’analisi della raccolta della produzione verbale sarà utile per comprendere come il bambino forma le frasi e quali sono le letterine assenti o che vengono pronunciate in maniera distorta.

I test vengono somministrati per capire come sono le prestazioni del bambino rispetto alla norma e servono anche per monitorare i miglioramenti nel tempo.

Le prove fondamentali sono generalmente di quattro tipi:

I primi due test analizzano l’ampiezza del vocabolario del bambino in entrata e in uscita, i secondi fanno un quadro sulle frasi utilizzate e capite dal piccolo.

In alcuni casi sono somministrati ulteriori test come ad esempio quelli sulle funzioni esecutive (attenzione, memoria e pianificazione).

Alla fine della valutazione, che ha una durata di circa 4 sedute, viene solitamente rilasciata una relazione.

Tenete sempre a mente che la valutazione non fa una classificazione di vostro figlio, non dà un voto né lo incasella in una definizione. Il vero scopo è quello di descrivere le caratteristiche del bambino, segnalando i punti di debolezza ma anche quelli di forza, ovvero quelli sui quali puntare per aiutare il piccolo a sviluppare al meglio le sue potenzialità.

Contributo della Log. Priscilla Malhamè

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.